Il programma

Si impara dagli errori del passato,
ma è necessario guardare al futuro.
La politica al servizio della gente

Carlo Bigongiari è una persona che si appresta a ritornare alla vita politica del Comune di Massarosa con la volontà e la consapevolezza di mettersi al servizio di una comunità che ha bisogno di riprendere il proprio cammino.

Mettersi a disposizione della comunità è una scelta consapevole, una volontà di servizio e di attenzione ai bisogni dei cittadini di Massarosa e delle frazioni.

Il programma elettorale di questa coalizione non è una mera promessa di traguardi irraggiungibili: la situazione economica di questo Comune al momento non consente di garantire altro che un faticoso ritorno alla normalità.

Il Comune che vogliamo dovrà essere attento alle esigenze del territorio e di chi lo abita, dovrà essere in grado di offrire opportunità di lavoro, fare impresa e di crescere.

La nuova amministrazione dovrà essere promotrice di un nuovo progetto di crescita, dialogando e cooperando con tutte le rappresentanze sociali, le categorie economiche e le associazioni, con lo scopo principale di creare lavoro, occupazione e coesione sociale.
L’impegno del candidato sindaco e delle liste che lo appoggiano è rivolto a ogni cittadino sfiduciato verso delle scelte fino ad oggi attuate, che desideri veramente vivere il ritorno del nostro territorio ad essere protagonista.

Questa candidatura rappresenta concretamente le buone differenze: è la scelta, l’unica, che può fare la differenza in una città che sembra sopravvivere a sé stessa e non avere più aspirazioni.

Un particolare invito viene rivolto a coloro che disertano da tempo la competizione elettorale: questa è un’occasione unica, da non perdere, per il bene di Massarosa.
Poiché lo scopo politico della nostra azione amministrativa è quello di porre al centro il cittadino e le sue esigenze, divengono prioritari tutti i problemi legati alla qualità della vita e ai suoi aspetti concreti

“Politica vuol dire realizzare”

Alcide De Gasperi

Ci guiderà:

  • La consapevolezza di essere al servizio della comunità
  • Uno stile sobrio e concreto, che significa anteporre i fatti alle parole,  senza recriminazioni.
  • Nessuno ci sentirà parlare del prima, qualunque “prima”, ma solo del presente e del futuro;
  • Educazione, dialogo, impegno, tenacia, determinazione, competenza e professionalità per cambiare il clima e il futuro del territorio di Massarosa

Questi i principali temi del nostro programma

Sicurezza e cura del territorio

Dovere prioritario del Sindaco e dell’Amministrazione Comunale è fare tutto ciò che è necessario al fine di aumentare le condizioni di sicurezza in tutto il territorio comunale.

Polizia Municipale: incremento del numero dell’organico per iniziare un controllo assiduo del territorio, sia in termini di sicurezza che in termini di controllo ambientale.

Introduzione della figura del vigile della frazione, come punto di riferimento per i cittadini.

Videosorveglianza: revisione e incremento del sistema di videosorveglianza monitorato tramite centrale operativa, al fine di garantire un controllo della criminalità, del patrimonio pubblico e della viabilità.

Piano di manutenzione straordinaria:
Utilizzo di tutte le risorse economiche disponibili per fare ripartire gli investimenti, riducendo il rientro del debito a quanto strettamente necessario. Il piano indirizzerà la manutenzione degli edifici comunali (es. scuole, centri civici) e della rete viaria.

Il piano verrà abbinato ad un cronoprogramma e monitorato in itinere

Recupero del decoro urbano:
È necessario reperire risorse a favore della manutenzione del territorio, anche tramite convenzioni specifiche con le attività imprenditoriali presenti sul territorio. 

Appena le condizioni di bilancio renderanno possibile ripristinare le convenzioni con i cittadini e le associazioni di volontariato, sarà riattivato il servizio di Cittadinanza Attiva.

Messa in sicurezza delle strade:
progettazione, in collaborazione con l’Università di Pisa, della messa in sicurezza stradale a partire dai tratti della S.R. Sarzanese Valdera e della S.P. di Montramito.

Piano straordinario di riqualificazione dei parchi pubblici:
Sistemazione e ripristino dei parchi gioco, incremento delle aree ludiche con richiesta di sponsorizzazioni e partecipazione all’arredo da parte di aziende private.

Installazione videocamere per maggiore sicurezza e contrasto degli atti vandalici. Installazione di area coperta al parco di Nassirya e videocamere per la sorveglianza

Valorizzazione dei sentieri:
Riqualificazione e valorizzazione dei numerosi sentieri presenti nel nostro territorio per incrementare un turismo sportivo-naturalistico di trekking, mountain bike e cavallo. Necessaria ed indispensabile la sinergia e collaborazione con i Comuni limitrofi per un corridoio unico, che permetta di percorrere i sentieri attraverso i vari territori. Sostegno alla riqualificazione di immobili fatiscenti o inutilizzati per la creazione di stazioni di sosta attrezzate sia per l’accoglienza del turista sportivo che per il noleggio o riparazione mezzi. 

La manutenzione dei sentieri sarà affidata alle Associazioni di Volontariato mediante convenzione con la possibilità per quest’ultimi di realizzare dei piccoli manufatti precari in legno per il ristoro degli sportivi.

 Valorizzazione e sviluppo della “Strada delle sorgenti”.
Riqualificazione, monitoraggio e tutela delle numerose sorgenti presenti sul 
nostro territorio.

Valorizzazione e promozione del tratto della via Francigena nel territorio di Massarosa. Tutti i sentieri saranno mappati e promossi tramite app.

Valorizzazione del Lago di Massaciuccoli
Il lago di Massaciuccoli e il nostro padule saranno centrali nell’attività della nostra Amministrazione che sarà volta alla loro tutela e valorizzazione per consentire, da una parte, il miglioramento della qualità dell’acqua e, dall’altra, lo sviluppo ecosostenibile del nostro territorio.

È nostra intenzione creare rapporti di sinergia con l’Ente Parco per arrivare ad una consona e collaborativa gestione.

 

Il Regolamento del Parco Naturale Migliarino S. Rossore Massaciuccoli stabilisce che possono essere usati solo natanti a remi, a vela o spinti da motori elettrici.

L’uso dei motori elettrici non consente una autonomia tale da poter essere attivi e crea disagi per la sua scarsa affidabilità, impedendo di fatto un proficuo, anche se attento, uso del Lago e stimolo per la sua economia.

Da troppo tempo, ormai più di 20 anni, i residenti e i frequentatori del Lago chiedono di poter tornare al motore a scoppio: ci faremo promotori di una apertura di concertazione con il Parco al fine di permettere un’apertura alla valutazione delle barche a motore, che garantiscano un basso livello di inquinamento, ma anche sicurezza per il navigatore.

È necessario agevolare il recupero delle  bilance e dei  ricoveri per i barchini ed i capanni da caccia.

Abbiamo il dovere di adoperarci per semplificare e alleggerire la burocrazia, dialogando con gli Enti superiori per risolvere gli attuali impedimenti burocratici, seppur mantenendo regole certe per tutelare il nostro padule.

 

Dal punto di vista naturalistico, ci impegneremo per ampliare i percorsi che conducono sul lago, con la possibilità di realizzare anche attracchi per canoe e barche a vela, così da introdurre lo sport velico anche dalla nostra parte del lago.

 

Da riconsiderare immediatamente la ricerca di un accordo con il Comune di Viareggio, proprietario della Motonave Burlamacca,per una gestione concordata che dia servizio al nostro Lago e che sia di supporto alla valorizzazione del territorio lacustre  e degli eventi che vi potranno essere sviluppati.

 

Tutela del territorio da inquinamenti tossici
Dovranno essere presidiati e controllati tutti i passaggi e le procedure e atti alla completa bonifica delle aree inquinate sul nostro territorio.
Monitoraggio e controllo accurato di tutte le attività di smaltimento sul territorio di Massarosa

 

Equità Fiscale

In un Comune dove le tasse sono state aumentate fino al massimo consentito, a causa del dissesto, è necessario che ci sia una reale equità fiscale per non creare disequilibrio fra cittadini in regola e non.

Dovranno essere identificati e recuperati casi evidenti di evasione fiscale ed eliminati gli sprechi di gestione attraverso procedimenti di revisione di spesa.

Dovrà essere attivato un monitoraggio del corretto pagamento tributario e del recupero del credito mancante

Qualità della vita: Scuola, cultura e sport.

Fondamentale per la qualità della vita e della famiglia come nucleo fondamentale della società sono:

Verifica delle condizioni strutturali degli edifici scolastici:
messa a norma e riqualificazione delle strutture esistenti, con particolare attenzione ai servizi interni per i bambini,

Completamento degli arredi persi durante l’organizzazione logistica e i traslochi a causa del Covid e per la chiusura plessi.

Attivazione del servizio di connessione internet ad alta velocità.

Ristrutturazione e cura degli ambienti esterni, anche in previsione di future necessità sanitarie rispetto all’utilizzo di tali spazi per l’organizzazione di attività scolastica all’aperto.

Ricerca fondi per progetti e finanziamenti nazionali ed europei:
Partecipazione e sostegno ai due Istituti scolastici presenti nel nostro Comune per presentazione di progetti destinati a finanziamenti europei

Supporto all’apertura dei nidi domiciliari e nidi aziendali

Apertura del nido di Piano di Conca, già realizzato,inserito nel nuovo complesso scolastico e mai aperto.

Scuola primaria di Quiesa:
La chiusura della scuola primaria Don Giovanni Bosco, collocata nella frazione di Quiesa, ha portato un disagio alle famiglie che vedono i propri figli inseriti in contesti scolastici poco organizzati e lontani dal senso di appartenza alla comunità, che soprattutto la scuola primaria deve avere.

Alla motivazione della chiusura per problemi logistici e di sicurezza, si è sommato il grave disagio portato dall’epidemia COVID, che modificando gli standard, ha portato le strutture esistenti, nelle quali sono stati inseriti tutti gli alunni, a un collasso.

Con determina dirigenziale n. 259 del 19/7/2021 sono stati affidati i lavori per quanto riguarda il 1° lotto, e cioè adeguamento sismico ed efficientamento energetico. Per il completamento dei lavori, nella suddetta determina, sono stati indicati tempi di realizzazione pari a 270 giorni naturali e consecutivi.

E’ impegno di questa Amministrazione procedere a sovrintendere i lavori al momento assegnati e ricercare fondi per i completamento e la riapertura della scuola di Quiesa almeno entro la metà per periodo del mandato elettorale.

Servizio mensa per tutti, attraverso  una nuova rimodulazione del servizio e delle tariffe.

Servizio scuolabus:
valutazione della possibilità ripristino servizio soppresso a causa della dichiarazione del dissesto

Consiglio comunale dei ragazzi:
È nostra intenzione riallacciare la collaborazione con gli Istituti Comprensivi per la nomina del consiglio comunale dei ragazzi.

Educazione civica, ambientale e stradale nelle scuole
Da settembre 2020 l’Educazione Civica è una disciplina trasversale che interessa tutti i gradi scolastici, a partire dalla scuola dell’Infanzia fino alla scuola secondaria di II grado.

In collaborazione con le direzioni didattiche, questa Amministrazione vorrebbe sostenere un approfondimento nella scuola con la presenza di personale amministrativo per l’educazione civica.

Spiegazione della struttura amministrativa pubblica, progetti dedicati per avvicinare gli studenti alla consapevolezza della vita amministrativa.

Progetti di educazione ambientale con giornate dedicate all’informazione sulla raccolta differenziata,un’azione volta a promuovere cambiamenti negli atteggiamenti e nei comportamenti delle persone, sia singolarmente che a livello di comunità. 

Progetti di educazione stradale,la conoscenza dei principi della sicurezza stradale, nonché delle strade, della segnaletica, delle norme generali per la condotta dei veicoli (con particolare riferimento all’uso della bicicletta), delle regole di comportamento degli utenti, in collaborazione e organizzate dal Comando di Polizia Municipale.

Biblioteca comunale:
Riapertura, in rispetto delle attuali normative COVID, della biblioteca Comunale a Stiava, come corredo al servizio scolastico.

Potenziamento Museo del Territorio:
Nuova gestione del Museo di Massaciuccoli in ottemperanza agli standard del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, al fine di suscitare compartecipazione e perseguire l’inserimento in reti e circuiti più vasti, nazionali ed internazionali, e garantire la massima accessibilità per i cittadini e i turisti.

Offerta culturale

La cultura è un elemento aggregante di una società e contribuisce al suo benessere. Non dobbiamo relegare la cultura come fenomeno di mero consumo e intrattenimento.

È necessario investire nella cultura, sia curata direttamente dell’Amministrazione che gestita dalle Associazioni o da terzi. Tutto deve servire per recuperare un clima positivo e di crescita in un momento così difficile per questo Comune.

Tutti gli eventi culturali dovranno essere sostenuti tramite sponsor esterni o Aziende del territorio che si faranno carico di adottare un evento specifico. L’Azione di adozione dell’evento culturale è fondamentale per offrire al cittadino momenti di benessere mentale e per promuovere il territorio.

Di seguito alcuni punti fondamentali del programma:

Premio Letterario
Cardine fondamentale del programma di tutte le Amministrazioni precedenti, rimarrà un punto focale da sostenere ed eventualemente da migliorare con la volontà di inserire il Premio Letterario all’interno di un circuito nazionale di Premi per la Letteratura.

Versiliana itinerante
Questa Amministrazione ha possibilità di stringere accordi con gli organizzatori della rassegna versiliese per inserire spettacoli di cartellone anche sul territorio di Massarosa.

Spettacoli alle Terme Romane
Considerata una delle aree più suggestive del territorio, questa Amministrazione intende promuovere eventi estivi nel sito archeologico per una rassegna di musica e spettacolo da promuovere nel calendario annuale;

Rassegna concerti Pieve a Elici e Corsanico
Punto di forza del territorio da moltissimi anni, hanno visto allontanare l’Amministrazione dal loro supporto per mancanza di fondi e possibilità. È nostra intenzione sostenere e far sostenere questi fondamentali e importantissimi eventi..

Teatro itinerante per bambini
Ogni anno è intenzione di questa Amministrazione offrire, a fine dell’anno scolastico, un teatro itinerante a misura di bambino, nel quale i bambini stessi diventino protagonisti della storia da raccontare.

Un incontro utile a creare sinergia fra Scuola, Amministrazione e famiglia.

Ricostituzione dei Comitati di rappresentanza locale, come stabilito dal Regolamento comunale per il Decentramento e la partecipazione

Stimolo e sostegno alle iniziative promosse dalle associazioni locali, attraverso gesti concreti e realizzabili nel quotidiano, che riescano ad alimentare il senso di comunità.

Manutenzione impiantistica sportiva attraverso la partecipazione ai progetti messi a disposizione per l’utilizzo delle risorse dal PNRR

Promozione eventi sportivi

Fermo restando le condizioni economiche gravose, vogliamo sostenere in modo importante leassociazioni sportive, sia nel mantenimento delle strutture esistenti, sia per la creazione di eventi di livello.

Attrazione sul nostro territorio gruppi privati per la realizzazione, ove ritenuto compatibile, di nuove strutture sportive che garantiscano sia una elevata qualità architettonica che una ricaduta occupazionale e, attraverso la stipula di convenzioni ad hoc, la possibilità di accesso per i nostri giovani a condizioni agevolate.

Ricerca di sinergie con le società presenti nel territorio versiliese per sviluppare lo sport a tutti i livelli e creazione di eventi promozionali alla presenza di personaggi famosi del mondo sportivo che servano a stimolare maggiormente tutti gli appassionati in primis  i ragazzi delle scuole elementari e medie.

Volontariato per la prevenzione

Stimolo ai progetti di rete,in collaborazione anche con altre Amministrazioni, per intervenire contro il disagio giovanile, da cui conseguono abbandono scolastico, abuso di droghe, bullismo, vandalismo.

Incremento della collaborazione con il volontariato organizzato, sia per progetti di rete nei campi di pertinenza delle organizzazioni di volontariato, sia nel sostenere una rappresentanza del volontariato da coinvolgere nella fase di impostazione e verifica dei programmi di welfare, compreso l’invito alle Commissioni Comunali competenti.

Contrasto alla violenza di genere attraverso interventi di prevenzione ed educazione nelle scuole e piena adesione ed attuazione, per quanto di competenza, della Risoluzione Europea contro i messaggi lesivi della dignità delle persone.

Lo sport come fonte di educazione e prevenzione per i giovani, in stretta collaborazione e continuo dialogo con le società sportive del territorio, proponendo attività collettive, mirando a trovare un equilibrio tra costi di gestione degli impianti e contributi proposti alle società, fornendo attrezzature pubbliche decorose.

Tutela e cura degli animali
La tutela degli animali è un principio fondamentale al fine di favorire la corretta convivenza tra uomo e animale.
Gli interventi preliminari per innescare questo processo sono i seguenti:

Attività di pet Therapy
Sempre in collaborazione con Associazioni Animaliste competenti, abbiamo intenzione di promuovere un’attività di pet therapy a favore di anziani e di portatori di handicap, nonché di incentivare campagne di sensibilizzazione della cittadinanza sul senso della tolleranza e della tutela di tutti gli animali e in particolare di quelli cosiddetti “d’affezione”. L’impegno nel settore, quindi, sarà finalizzato a realizzare un obiettivo cui non è stata mai posta sufficiente attenzione, in un’ottica di sensibilizzazione da cui una comunità civilmente evoluta non può più prescindere.

Area sgambatoio cani
Le città puntano a diventare sempre più “pet friendly”, ovvero più vivibili per gli animali e per chi li ama. Si sta così diffondendo la creazione di spazi pubblici dedicati agli straordinari animali amici dell ‘uomo.

È intenzione di questa Amministrazione definire e completare l’area sgambatoio cani già prevista e mai realizzata a Piano di Conca e di prevederne almeno un’altra, da realizzarsi entro il quinquennio di mandato.

Servizi alle categorie deboli e Politiche sulla Casa

Rafforzare le reti sociali territoriali  attraverso il coinvolgimento diretto dei  cittadini, delle associazioni sul territorio, delle cooperative sociali, per affrontare nel modo più efficace le domande di servizi e di supporto, in aumento esponenziale per effetto della crisi. Sostenere, con azione di mappatura, coordinamento e animazione sociale ogni rete di mutuo aiuto.

 Attuazione di interventi urbanistici  per rendere accessibili a chiunque, con particolare attenzione per i portatori di handicap, edifici pubblici e marciapiedi.

Realizzazione di nuovi alloggi di edilizia residenziale pubblica attraverso la collaborazione con ERP

Attivazione di  programmi di domiciliarità, per giovani, anziani e altri soggetti a rischio solitudine, con l’obiettivo di contrastare (attraverso forme comunitarie come ad esempio il cohousing) l’isolamento dal mondo e la precarietà sociale che ne deriva.

Casa del “dopo di Noi”
Definizione della convenzione con ASL per l’attivazione e apertura della struttura del “ dopo di Noi”, completata strutturalmente, ma mai attivata.

Anziani e collettività
Garantire il più possibile la permanenza al proprio domicilio degli anziani, ridisegnando l’offerta del servizio di assistenza domiciliare, favorendo anche l’utilizzo dei centri diurni.

 

È inoltre necessario valorizzare gli anziani attivi come risorsa per rispondere ai bisogni degli anziani più grandi, sviluppando una cultura di vicinato solidale;

 

Stimolare la realizzazione di strutture adeguate per il ricovero degli anziani, con particolari condizioni di vantaggio per i residenti del terriorio.

Rimodulazione delle tariffe dei servizi a domanda individuale in una logica di accessibilità per le fasce più deboli e di equità sociale

Pari opportunità.
La Commissione pari opportunità dovrà affrontare e sviluppare , oltre che i temi per la lotta contro la violenza sulle donne e le differenze di genere, una forte opera di sensibilizzazione, attraverso giornate di incontri e formazione per stimolare la comunità ad essere sempre più attenta a rimuovere gli ostacoli che impediscono la piena integrazione dei soggetti deboli.

 

Sportello di ascolto antiviolenza
Sarà cura di questa Amministrazione mantenere e sostenere lo sportello di ascolto antiviolenza, da realizzarsi in forma anonima, con il sostegno di associazioni presenti anche su altri Comuni, al fine di offrire un aiuto concreto a donne e famiglie in difficoltà.  

Gestione urbanistica del territorio

La nuova pianificazione urbanistica deve essere concepita in un’ottica di lungo periodo per quanto riguarda la concezione filosofica, ma, con la necessità che lo strumento urbanistico, che individua e disciplina gli interventi di tutela, valorizzazione, organizzazione e trasformazione del territorio siano realizzabili secondo i tempi previsti dalla Legge Regionale.

Il tempo è la discriminante fondamentale: poche scelte, mirate e consapevoli, per il corretto uso del suolo e del territorio, con la certezza di vederle realizzate.

Ufficio di Pianificazione urbanistica
Per garantire la crescita equilibrata di un territorio e l’armonizzazione tra gli insediamenti ed il sistema dei servizi, e affinché l’orientamento generale delle scelte di pianificazione sia quello dell’equilibrio e della sostenibilità (valutando a priori gli effetti di nuovi interventi o il recupero del patrimonio edilizio esistente), è necessario prioritariamente costituire di nuovo un Ufficio di Pianificazione del Territorio. Un’apposita struttura che sia interamente dedicata alla redazione del Piano Operativo

 

Approvazione della Variante al Piano Strutturale, che getterà le basi per la redazione del Piano Operativo nei termini previsti dalla Legge Regionali.

 

Studio Idraulico su tutto il territorio comunale:
Revisione in accordo con l’Autorità di Bacino distrettuale dell’Appennino Settentrionale e del Genio Civile degli studi di pericolosità idraulica alla luce delle nuove analisi eseguite e delle opere di messa in sicurezza realizzate e/o programmate.

Studio Idraulico su tutto il territorio comunale:
Revisione in accordo con l’Autorità di Bacino distrettuale dell’Appennino Settentrionale e del Genio Civile, alla luce delle opere di messa in sicurezza realizzate e/o programmate.

 

Attuazione delle previsioni urbanistiche contenute nell’attuale Regolamento Urbanistico, per favorire uno sviluppo basato sul principio della sostenibilità ambientale.

 

Promozione, attraverso opere pubbliche, del miglioramento della viabilità e dell’arredo urbano – da mettere in atto attraverso accordi pubblico-privato

 

Revisione del Regolamento Edilizio, previa consultazione e confronto con le categorie professionali del settore.

 

Potenziamento dell’Ufficio Edilizia anche attraverso un ulteriore incentivazione delle vie telematiche.

 

Casa della salute:
Il Piano Sanitario e Sociale Integrato Regionale (PSSIR) approvato con deliberazione del Consiglio Regionale n.91 del 5 novembre 2014 definisce la Casa della Salute come “un punto di riferimento certo per il cittadino” che “risponde alle esigenze di ricomposizione ed organizzazione nel territorio di una comunità locale, delle attività per la promozione della salute e del benessere sociale, in uno stesso spazio fisico, i servizi territoriali che erogano prestazioni sanitarie e sociali per una popolazione programmata, secondo una logica di continuità assistenziale e di presa in carico” e che “si configura quindi come una struttura polivalente e funzionale in grado di erogare le cure primarie, garantire la continuità assistenziale […] al cui interno opera lavora un team multidisciplinare, formato da medici di medicina generale e pediatri di libera scelta,  gli specialisti ambulatoriali, infermieri, altri professionisti sanitari, personale sociale e amministrativo che garantiscono la presa in carico globale della persona, la continuità assistenziale ospedale-territorio e l’integrazione tra assistenza sanitaria e sociale. l’insieme del personale distrettuale.

Il progetto della Casa della Salute su Massarosa si è da tempo fermato per problemi di vario genere, ma riteniamo che un polo sanitario sia fondamentale all’interno del nostro territorio. La nostra proposta è di riprendere immediatamente un rapporto e dialogo con la ASL e proporre nuovi spazi adeguati per la realizzazione dell’immobile e creare quindi un presidio sanitario anche a Massarosa.  

 Rigenerazione dei beni comuni:
Si sta diffondendo sempre di più la consapevolezza che cura e sviluppo dei beni comuni materiali ed immateriali, portino alla rinascita dei rapporti sociali, dell’economica, della bellezza della città.

 

Incremento della collaborazione tra cittadini e amministrazione per la cura e la rigenerazione dei beni comuni urbani: per dare slancio all’azione di riqualificazione e rigenerazione urbana e senza contrapposizioni. Si deve ridisegnare la città col verde, va valutata la “demolizione strategica” (ossia mirata, consapevole, economica) e la riconversione di edifici pubblici e privati, civili ed industriali

Il commercio e la piccola e media impresa

Non può esserci sviluppo economico né se si costringono i piccoli imprenditori a pagare il prezzo di una politica industriale irragionevole, né se gli imprenditori e gli artigiani non vengono presi in considerazione per valutare ed operare scelte economiche importanti. Può, al contrario, esserci sviluppo economico se le scelte sono partecipate, al fine di non incorrere in operazioni “illogiche” e se tra la classe politica e gli attori principali delle attività economiche locali vi è serio confronto e continuo dialogo.

Convinti, pertanto, che le risorse del paese vadano messe nella condizione di trasformarsi in ricchezza diffusa e in progetti di crescita e sviluppo, riteniamo che la nostra Amministrazione Comunale debba sviluppare i seguenti aspetti:

 Confronto con le categorie
Ristabilire un serio confronto con le varie categorie produttive, al fine di realizzare una programmazione efficace ed efficiente per uno sviluppo economico sostenibile ed innovativo del territorio;

Una nuova visione unitaria ed integrata con l’individuazione di servizi idonei a garantire obiettivi di sostenibilità dello sviluppo locale e competitività delle imprese insediate. 

 

Spazi pubblici ad uso gratuito:
concedere la possibilità a talune attività commerciali (bar, macellerie, ristoranti etc.) di usufruire, gratuitamente, degli spazi pubblici antistanti i locali, per fornire servizio di ristoro e/o degustazione di prodotti alimentari, e con particolar riferimento a coloro che vorranno preferire il centro storico;

 

Promozione prodotti locali 
supportare le Associazioni e/o i gruppi che intendono realizzare eventi eno-gastronomici e culturali al fine di valorizzare e promuovere i prodotti locali e altre importanti risorse utili a valorizzare (oppure a vocazione del territorio) il territorio.

 

 Il rilancio delle attività commerciali nelle frazioni e nel capoluogo
Incentiveremo il rilancio di tutti gli spazi commerciali, oggi sfitti o in difficoltà. All’imprendotoria femminile o ai giovani individueremo nuove misure e condizioni di beneficio, per l’apertura di nuove attività per garantire linfa alle attività commerciali esistenti, con l’obiettivo di far rinascere attività chiuse da tempo.

 

Capitolo specifico sarà dedicato all’organizzazione di eventi e iniziative
Le frazioni  potranno ospitare e/o ideare eventi, con la possibilità di far rivivere le vie del paese, così come iniziative specifiche, settoriali o di nicchia che permettano di calamitare l’attenzione e l’interesse collettivo, in differenti periodi dell’anno, con agevolazioni dirette alle associazioni locali, per garantire la realizzazione di tali eventi,  in un’ottica di piena collaborazione, confronto  e sinergia con gli esercizi commerciali e le associazioni.

La missione e il sogno di FareFuturo

Fare futuro significa :

  • Analizzare bene il bilancio attuale e tutte le sue criticità per dare un razionalizzazione alle azioni di ripartenza;
  • Trovare soluzioni che superino prima possibile la fase di dissesto, ricerca fondi, snellimento pratiche e incremento ingressi economici dell’Ente;
  • Riorganizzazione generale dell’apparato amministrativo, potenziamento, con scelte oculate per i settori in maggior difficoltà, di reperimento di personale qualificato;
  • Creare le condizioni per tornare ad una gestione ordinaria con la possibilità di distribuire i servizi sociali e scolastici a tutta la comunità;
  • Istituzione di una task force per intercettare i finanziamenti del PNRR al fine della realizzazione di opere pubbliche infrastrutturali e per la messa in sicurezza idraulica del territorio;
  • Governare con buon senso uno sviluppo economico per la creazione di nuovi posti di lavoro;